IL CAMPING REGINA SI AGGIUDICA LA FINALE BATTENDO 3 A 2 LA G.S.A CASTELFIDARDO!

Marcelli, 10 giugno 2011: Nell’ ”Arena” di Marcelli si era veramente in tanti, tutti a vedere chi si sarebbe aggiudicato questa edizione della Gold Cup. Di fronte la storica Gsa di Mister Cedraro e del “mito” paratutto Ragni e la compagine porto recanatese del presidentissimo Attaccalite. L’esperienza di un bel gruppo ormai consolidato come i bianco blu contro la freschezza nonchè quasi la sfrontatezza tattica dei ragazzi di Pirri. Delle otto squadre della griglia di partenza di questi play off, le due finaliste sono state le uniche a tenere il ritmo e la concentrazione giusta per arrivare allo scontro finale. Di fatto vuoi per distrazioni emozionali, vuoi per varie vicissitudini, le cosiddette favorite sono rimaste al palo. Nel percorso di queste due formazioni è da evidenziare le stupende performance in gare mozzafiato dal sapore quasi speciale come per esempio il 4 a 3 del Camping sul Real Filottrano nei quarti,o anche il 4 a 2 del GSA nei confronti del Vt Osimo in semifinale. Se diamo una lettura leale e da addetti ai lavori, di vere e proprie sorprese non si può parlare, penso che per entrambe sia il coronamento di un sacrificio e di un’attenta lettura del campionato. Il GSA in questo studio trova uno dei migliori attaccanti che la Gold abbia mai avuto, Campetella, il Camping Regina trova un’impalcatura dove appoggiare e poter far girare i campionati futuri. La partita ha dimostrato tutto ciò. Sotto l’occhio vigile dei direttori di gara Mazzoni e Vaccarini è la Regina ad aprire le danze al 1’ con il suo “mostro” d’area Breccia che con un tiro a dire il vero alquanto velleitario (ma efficace) porta in vantaggio i suoi. Si registrano le marcature, capitan Perucci su Ramadori, Bartolini su Breccia in area bianco blu, capitan Pierini a bloccare Campetella in area blu oro. Subito il goal il Gsa sembrerebbe premere un po’ di più, gli attaccanti cercano di sradicare qualche pallone da centrocampo. S’infortuna Breccia e il bomber portorecanatese sta fuori per quasi tutto il primo tempo. Il piccolo De Gennaro per quanto bravo, non dà le stesse dinamiche. Perucci e Balestra scendono di più, sgravati dalle responsabilità di controllo sulle incursioni avversarie. Campetella ci prova con una bella rovesciata e nel finale di tempo non sfrutta un tiro libero dai 10 metri. SaràBalestra a pareggiare, con un tiro scoccato da fuori area ad inizio ripresa. Pesaresi coglie un palo e poco dopo èCampetella a centrare la traversa. Ramadori macina chilometri su chilometri per sopperire in difesa e impostare la manovra. Nella ripresa recupera Breccia e le cose cambiano. Al 15’ ottima azione in contropiede Pierini Ramadori Breccia, che porta quest’ultimo a segnare. Si susseguono repentini cambi di fronte ma entrambi i portieri si fanno trovare sempre preparati. Ragni infatti salva alla sua maniera su due acuti di Ramadori. A due minuti dalla fine da un calcio di punizione viene servito Mandolini che ha il tempo di caricare il tiro, nulla può Antognini (2-2). Si va ai supplementari, e nel minuto tre dalla destra penetraRamadori che piega le mani a Ragni nonostante avesse intuito il tiro da vicinissimo. Nel secondo tempo supplementare la Gsa rimane imprecisa sotto porta, il Camping fa possesso e porta a termine il successo. Spettacolo rispetto e vivacità hanno segnato questa 19^ edizione della finale Gold Cup dove il Camping Regina rimarrà negli annali. Complimenti a tutti i partecipanti, vincitori e vinti, premiati e non organizzatori e pubblico, ci si vede in giro nei nostri campi di gioco.

P.S.: Non ce ne voglia l’arbitro Mazzoni ma questo video è da mandare a Paperissima…:)


Roberto Marabini
www.sportware.org

Tags