Osimo, 26 maggio 2012: È andata in scena ieri pomeriggio alle 15.00 in quel di Osimo, la partita tra la Fica Feliz e l’Indesit, una partita ricca di tensione ed orgoglio tra due compagini divise da un solo punto.
Da una parte gli “orange “ vogliosi di blindare la nona piazza dall’altra i “canarini” desiderosi di “sgambettare” chi li precede.
La partita inizia subito forte, è l’Indesit a pigiare sull’acceleratore , rendendosi pericolosa per ben tre volte nel giro di pochi minuti, ad iniziare la girandola è il n12 dopo un’azione insistita, ma il tiro è centrale, successivamente a provarci è il n4 ed infine il n2 ma Nobili è fermo nel suo proposito : “Non si passa” sfornando così una gran bella parata.
Come un pugile suonato la Fica si scuote dal torpore provando così a reagire al veemente assedio iniziale, è Cupido a squillare la tromba prima colpendo il palo poi, fallendo una buona occasione a tu per tu con il portiere ospite! Si rifarà state tranquilli.
Mai frase fu più profetica aggiungerei è proprio lui a portare in vantaggio i Fica Boys, è lui a squarciare in due l’apatia arancione come un fulmine che illumina il cielo! Il tiro nell’angolino è forte e preciso 1a0, risultato alquanto insperato per quello che fin qui abbiamo visto.
Ma la partita adesso è bella perchè a giocarla sono in due, l’Indesit infatti sembra non scomporsi e continua a tenere il pallino del gioco, la Canonico tenta di pungere di rimessa, ci sono occasioni da entrambe le parti, un ping pong continuo, prima i canarini , ma Nobili è ineccepibile, poi è il terzetto Gerald , Redon e Cupo a confezionare un bel triangolo, ma la palla non entra per una mera questione di centimetri, successivamente è il n8 ospite a calciare a lato da ottima posizione, la risposta dell’Arancia meccanica porta la firma di Redon ma anche lui non centra il bersaglio grosso.
Non è una semplice partita di calcetto, sembra un remake della finale Mondiale di scacchi del 1972,Fisher contro Spassky giocata in Islanda, a regnare è l’equilibrio più totale, entrambe le squadre sembrano dare l’impressione di farsi male a vicenda.
Ma nello sport si sa la differenza la fanno la grinta la fame il cinismo, l’Indesit si sbatte la Fica raddoppia, azione veloce e letale, Nobili rinvia subito, Cupido stoppa la palla, la pulisce ed infine la deposita in rete, 2a0!!
partita in ghiacciaia?? neanche per sogno l’Indesit risponde subito alla mazzata accorciando le distanze con il n11, che non ha difficoltà questa volta a segnare 2a1! E partita ancora viva, si percorre sempre lo stesso binario, finisce così la prima frazione di gioco.
Le squadre rientrano in campo , la Canonico stufa di questo snervante botta e risposta vuole chiudere subito il conto, infatti dopo pochi minuti arriva la terza rete, è capitan Morbidoni subentrato a Cupido a realizzare il 3a1, il gol è una “Fuga per la vittoria” infatti il n7 resiste prima ad una carica, saltando successivamente un difensore chiudendo l’azione con un destro chirurgico che si infila nell’angolino.
Più due , più due di vantaggio, ma le cose non accadono a nostro piacimento, bisogna fare i conti con il destino, “never ending stories” era il titolo di una celebre saga che ha appassionato miglia ia di generazioni “ la storia infinita” come questa partita la Indesit infatti si riporta sotto ,segna fortunosamente il 3a2 è il n4 a timbrare il cartellino, con un tiro apparentemente leggibile , ma causa una deviazione si infila in rete 3a2!! uffff……
Ribaltamento psicologico, morale a terra, paura di vincere???? i ragazzi non conoscono questi sinonimi e traggono nuova linfa dal gol avversario scatenandosi come non mai trovando così nell’ultimo quarto d’ora ben 3 gol!!! una furia veloce come una tromba d’aria potente come una grandinata, una perturbazione che spazza via le velleità ospiti.
I fautori di questa riscossa sono Geraldinho, finalmente su livelli accettabili e ancora Cupido eroe di giornata, è proprio il bomber delle vigne a siglare il 4a2 con un tiro di una violenza inaudita, che toglie la ragnatela, poi è Gerald successivamente a realizzare il 5a2 con un tap-in comodo comodo a porta sguarnita.
Ma come in tutte le grandi commedie ci vuole un gran finale, anche questa partita deve finire degnamente, la parola fine la scrive ancora Gerald, che questa volta fa un gol dei suoi, un’azione tutta di tacco -punta conclusa con un fendente terribile che si infila nell’angolino, 6a2!!!il match finisce con un ininfluente palo dell’indesit e con ancora due miracoli di Nobili!!
la Fica centrifuga l’indesit suonando la nona sinfonia!

da http://www.facebook.com/pages/Fica-Feliz-FC/166730870102311

 

Tags