Agugliano, 24 febbraio 2012: Niente da fare. Il campionato sembra proprio stregato per noi. Non vi sono altre spiegazioni plausibili. Se il buongiorno si vede dal mattino, la partita della Dorica contro il Real Mojito inizia proprio con una traversa colta da Boccardo dopo neanche trenta secondi dal fischio d’inizio. Eppure la Dorica non si abbatte nonostante l’ennesimo colpo di sfortuna e nel giro di 20 minuti riesce a capitalizzare in parte la partita con un netto 3 a 0. Gli uomini di Talevi sono freschi, corrono, ci mettono l’anima. Da sottolineare una prestazione davvero soddisfacente da parte di Miniero. Tutto sembra andare per il verso giusto, ma ecco che ancora una volta la sorte ci é avversa. Allo scadere del primo tempo arriva il primo goal del Mojito, complice una deviazione fortunosa di Lenisi, incolpevole. Eppure il morale mella Dorica é ancora piuttosto alto e la squadra allenata dal soddisfatto Matarazzo sembra reggere l’oncontro anche nel secondo tempo tenendo a debita distanza il Mojito che peró pian piano si avvicina adoperando piú il fisico che la testa. Arbitro assente in lunghi tratti della partita. Di Giacinto sfiora il goal con un tiro di punta da fuori salvato in corner non si sa come, Antolini tira da distanza ravvicinata ma la palla si blocca tra le gambe del portiere, insomma la palla sembra non voler piú entrare. In piú Bragoni che ha disputato una buona partita subisce un paio di goal davvero “ingiusti”. Il Mojito sembra poter segnare solo su rimpalli favorevoli e azioni sporcate dai nostri errori, ma purtroppo il calcio a 5 funziona cosí. La difesa della Dorica non tiene, gli automatismi della difesa a uomo ancora non sono ben metabolizzati dai ragazzi di Talevi ed ecco il pareggio a 2 minuti dalla fine da parte del Mojito completamente fortuito. La partita si conclude 5-5. Un vero peccato. 5 punti per noi a questo punto del campionato sono una vera e propria ingiustizia.

Tags