Everton che ti succede?

Roma, 10 maggio 2012: U.S. Boreale – Scontro delicato quello in scena sul campo della boreale per la terza e ultima gara in programma questa sera. Lo Shakhtar fanalino di coda del girone ospita in casa l´altra squadra ferma a zero punti, l´Everton. Le squadre, con una forte differenza reti negativa – 14 e -21 goal, cercano oggi una vittoria o quantomeno qualche punto per alzare il morale del gruppo e guardare alle prossime partite con più serenità. Le quote sono bilanciate 2.44 per lo Shakthar e 2.56 per l´Everton e 5 per il pareggio.
La gara veloce e vibrante ha sorpreso tutti i presenti al campo in quanto non ci si aspettava una cattiveria agonistica cosi alta da due squadre in crisi di risultati. Fortunatamente tutti ci sbagliavamo. Le azioni da goal comunque sono abbastanza equilibrate con tiri e ripartenze che si distribuiscono in egual misura almeno per i primi 10´ di gioco. Forse è lo Shakhtar che come da pronostico tenta più volte la conclusione a rete, ma gli inglesi non sono da meno cercando di colpire in ripartenza. I tentativi dello Shakthar rimangono però vani grazie al portiere dell´ Everton. Il quale si arrende al 13´ quando su un suo rinvio colpisce la schiena del suo capitano, il pallone rotola lentamente alle sue spalle. 1 a 0 Shakthar. Gli ucraini molto ispirati questa sera trovano addirittura il goal del raddoppio dopo una bella conclusione ravvicinata. Con un´azione lo Shakhtar prima trova il 3 a 0 e poi su calcio di punizione del “sempreverde” Battaglia trova il 4 gol che taglia le gambe. Il primo tempo termina con il poker del Sette Team e con un Everton che dopo la primissima fase di gioco si è ritrovato imballato nelle gambe non riuscendo più a creare quelle azioni che a inizio gara avevano impaurito la retroguardia avversaria. La ripresa è più tranquilla rispetto al primo tempo. La squadra ucraina, forte del vantaggio accumulato nella prima frazione di gioco attende nella propria metà campo cercando di colpire in contropiede, riuscendoci al 6´ del gioco e poi al 12´ con un bel calcio di punizione fotocopia di quello del primo tempo. L´Everton sembra un´ospite in campo e questo dispiace un po´ visto che i ragazzi in ogni gara mettono sempre una voglia ed una grinta difficile da trovare nelle altre squadre del torneo. Poco prima del termine della gara c´è ancora spazio per un paio di emozioni : un goal in ripartenza dello Shakthar e il gol della bandiere dell´Everton con la perla di Ruffini che grazie ad una sforbiciata trova uno dei goal più belli del torneo e il definitivo 7 a 1.

Tags