La Sportware dedica il mese di Novembre al valore della tolleranza e l’équipe della società sportiva anche quest’anno si è riunita per creare una proposta di allenamento che stimolasse i piccoli atleti della scuola calcio a 5 e del minivolley a conoscere cosa significhi essere tolleranti e a sperimentarlo in campo.

Il dizionario definisce la tolleranza come la capacità fisica o spirituale di sopportare, di accettare e rispettare le opinioni diverse dalle proprie, di concedere una dilazione, uno scarto, una differenza rispetto a quanto prestabilito (da “Il grande dizionario Garzanti”).

Nello sport di squadra è importante imparare ad accogliere tutti i compagni sapendo che ognuno ha i suoi punti di forza e di debolezza; è attraverso la tolleranza che si riesce ad andare avanti assieme, senza lasciare indietro nessuno, scoprendo che nel gruppo siamo tutti interconnessi e coinvolti. E’ quello che i bambini hanno sperimentato nel gioco “COSTRUISCI IL CASTELLO.

 

 

 

 

 

 

In questa attività i bambini dovevano trasportare gli elementi che formavano un bellissimo castello con tanto di bandiera finale; i “mattoni” erano consegnati uno alla volta dal gruppo che doveva muoversi tenendosi sempre per mano. Attraverso questa regola i bambini hanno dovuto modificare il loro
ritmo di corsa per aspettare chi era più affaticato o chi correva meno velocemente, chi si doveva allacciare le scarpe, chi aveva urtato l’ostacolo. Inoltre la conclusione del lavoro richiedeva diversi minuti di corsa e sebbene l’attività fosse motivante, i piccoli atleti hanno dovuto tollerare anche la stanchezza fisica che dopo un po’ si faceva sentire.

Nello sport la tolleranza è utile anche verso se stessi. Un atleta (ma potremmo dire più in generale ogni persona) trae serenità e maggiore efficienza se impara a conoscere i movimenti in cui è più capace, le sue qualità e se ha individuato i suoi punti deboli. Nell’allenamento di Novembre ai bambini sarà chiesto di compiere alcuni gesti con la mano o il piede non dominante così da aumentare la conoscenza di sé in quegli aspetti che non risultano subito facili ed efficaci. Sperimenteranno comunque che con impegno, pazienza e soprattutto tolleranza, riusciranno a
resistere e a svolgere anche un compito difficile come questo.

Questo Novembre il campo dove la scuola calcio e il minivolley si allenano è ingombrato da un brutto carrarmato di cartone, simbolo della guerra, figlia di tutte le intolleranze. Gli atleti si stanno impegnando in questo mese per sconfiggerlo e trasformarlo in un simbolo di pace. Ogni volta che durante l’allenamento si saranno dimostrati tolleranti, gli allenatori consegneranno loro un adesivo con uno smile da attaccare sopra il carrarmato; con la tenacia e l’entusiasmo che i ragazzi stanno dimostrando, alla fine di Novembre il carrarmato sarà stato sicuramente sconfitto con il sorriso pacifico della tolleranza.

#ThisisSportware

Tags