Petromilli regala il passaggio del turno al Csm mentre per l’Auchan il trascinatore è Pisino

Osimo Stazione, 7 giugno 2012

Csm-Atletico Porto Recanati 3-3

Amara, amarissima la sconfitta per l’Atletico Porto Recanati che dopo essere stato in vantaggio, “quasi” sul 3-0, segna al 3’ del secondo tempo supplementare, ma non basta, la Csm non molla mai e trova un incredibile pareggio negli ultimi secondi. Un film già visto e un’altra dimostrazione di carattere della formazione di mister Cintioli che riesce a dare il meglio di sé quando è sull’orlo del baratro.
La prima occasione è per la Csm con Barigelli che da un fallo laterale, a due passi dalla porta, in posizione angolata non riesce a trovare la deviazione vincente. Il Portorecanati spaventa per la prima volta il Csm al 6’ con Giorgetti che stacca a centro area e colpisce una clamorosa traversa. I portorecanatesi prendono coraggio e passano in vantaggio con una bella azione finalizzata da Simonacci con un bel destro dal limite. La partita si infiamma con entrambe le squadre che lasciano ampi spazi, ma Petromilli non ne approfitta, solo davanti al portiere Trulli si fa respingere la conclusione e poco dopo, servito con un lancio lungo non riesce a trovare la deviazione vincente da due passi. Il Portorecanati è molto brillante davanti, riesce spesso a mettere in mezzo i difensori fidardensi con azioni veloci e ficcanti. Al 16’ per un netto fallo di mano in area di Giorgetti, il Csm beneficia di un calcio di rigore ma Socionovo lo spedisce alle stelle
. Il Portorecanati punisce il Csm con lo stesso Giorgetti che scaglia un destro da fuori che Zitti probabilmente non vede partire (2-0). Il Portorecanati è in un momento di esaltazione e con una azione ubriacante arriva ad un passo dal terzo gol, ma capitan Simonacci butta fuori il sinistro a porta vuota. Scampato il pericolo il Csm capisce che non c’è più tempo da perdere e con il passare dei minuti stringe d’assedio l’Atletico. Mister Cintioli suona la carica per il massimo sforzo e prima della fine del tempo arriva la rete che accorcia le distanze con un gran tiro da fuori di Magnaterra.
Nella ripresa il Csm corona subito la rincorsa sugli sviluppi di un calcio d’angolo che scavalca la difesa e permette a capitanMagrini di depositare a porta sguarnita
. Il Csm ha il predominio territoriale ma dopo il pareggio non sembra avere la cattiveria mostrata sullo 0-2 mentre il Portorecanati dopo minuti di apatia ritrova la brillantezza con una stupenda azione di Montironi che si incunea centralmente e colpisce il palo con un destro dal limite. Il palo sembra intimorire il Csm e le due squadre nella seconda parte della ripresa pensano più a non prenderle con l’intenzione di giocarsi tutto ai supplementari. Nel primo tempo supplementare subito una grande occasione per Ajdini che però solo davanti al portiere non riesce ad essere incisivo. Il Portorecanati sembra aver ritrovato le energie e la voglia del primo tempo, attacca con più vigore in quanto necessita della vittoria. Al 3’ del secondo tempo supplementare, in mischia Cappilli insacca la rete del 3-2
. Sembra fatta ma il Csm si butta all’assalto finale e negli ultimi secondi da un lancio lungo del portiere Zitti, Petromilli, stacca di testa e anticipa tutti segnando l’incredibile 3-3
che qualifica il Csm per il miglior piazzamento nella regular season.

Intervista con Luciano Cintioli (Csm)

Global Union Service-Auchan Campioni 2-4

L’Auchan Campioni, contropronostico, elimina la Global Union Service con un grande secondo tempo. La squadra di mister Pazienza, dopo un difficile primo tempo ci mette più voglia per raggiungere il Csm alla sfida che qualificherà alla finale.
Sin dalle prime battute la partita è molto equilibrata con la Global che si rende spesso pericolosa con le incursioni di Giacchetti mentre l’Auchan all’8 ha una grossa occasione in area, ma Natalini in mischia perde l’equilibrio e non riesce a trovare la deviazione praticamente a porta sguarnita. Al 14’ Giacchetti si invola, rientra sul sinistro e batte Munaretto dal limite (1-0). L’Auchan prova a reagire con Pisini e soprattutto con una punizione di Anderlucci che viene deviata con i piedi sulla traversa dal portiere Marchetti. Nel finale di tempo la Global ha due buone occasioni con Giaccaglia per raddoppiare. Nella prima è bravo Munaretto a respingere con una parata plastica, ma nella seconda Giacchetti lo serve tutto solo davanti al portiere e “buca” clamorosamente la deviazione vincente.
Nella ripresa al 6’ ancora la Global non riesce a raddoppiare con Giaccaglia solo davanti a Munaretto non riesce a centrare la porta. L’Auchan è pericoloso con Zoccolante ma la Global spreca ancora con il solito Giacchetti che si invola, serve Amici che scaglia un sinistro che colpisce in pieno la traversa
. Al 14’ arriva il pareggio dell’Auchan con la Global che per protestare su un calcio di punizione si fa sorprendere da Pisino che anticipa tutti ed insacca sotto la traversa. La partita prende tutt’altra piega, l’Auchan si carica, prendendo una grande fiducia e passa in vantaggio con Sisti che finalizza da due passi un’azione di squadra
(2-1). Pisino è scatenato, mette in scacco da solo tutta la difesa e colpisce un palo saltando il difensore con un “sombrero” e un destro fulminante. In evidente stato di grazia, poco dopo sfiora l’incrocio con un gran tiro a giro. Ma nel momento migliore dell’Auchan è Giacchetti a scagliare un destro che passa tra una selva di gambe e si insacca riportando la qualificazione dalla parte della Global Union Service (2-2). Ma dura poco in quanto Ponzio si inventa un calcio di punizione all’incrocio
riportando avanti l’Auchan (3-2) al 29’ che poco dopo chiude i conti con Borrini che chiude una triangolazione con il solito Pisino (4-2)
.

Intervista con Romano Pazienza (Auchan Campioni)

Marco Ghergo
www.sportware.org

Tags