“RIPESCATO” E AL COMPLETO BATTE UN GENEROSO ARISTON THERMO LAB GAS CHE COMBATTE FINO ALLA FINE

 

Osimo, 14 luglio 2015: Un Lardini eliminato nell’ultimo turno, scopre di essere qualificato alle semifinali per la sciocchezza dell’Ariston Thermo Uffici che fanno giocare un giocatore sotto falso nome. Così nella riedizione della finale dello scorso anno, prevale ancora Lardini che con il ritorno di Carnevali dimostra una potenza offensiva che non ha eguali. L’Ariston Thermo Lab Gas rimane in gara sino a pochi minuti dal termine grazie ad un grande cuore che l’ha riportato più volte a riaprire il punteggio, ma Lardini è rimasto sempre avanti e nel finale ha punito la tattica disperata del portiere “volante”.

Lardini parte subito forte e stringe d’assedio l’Ariston Thermo Lab Gas. Il vantaggio arriva al 6’ con un gran tiro da fuori di Corneli. L’Ariston reagisce ma Trozzi spreca un’occasione clamorosa e al 10’ Lardini raddoppia con un sinistro a giro da fuori di Stacchiotti su cui il portiere Rossi non può arrivare. L’Ariston Thermo Lab Gas è scioccata e non riesce a reagire mentre Lardini non riesce ad azzannare alla giugolare la partita segnando il terzo gol. Con il passare dei minuti l’Ariston cresce e nel finale di tempo riesce a riaprire il punteggio con un gol di Minnetti che intercetta un tiro cross di Gatto.

Nella ripresa Lardini è determinato a ristabilire le distanze ma Rossi si supera in diverse occasioni. La squadra dell’azienda Filottranese triplica al 15’ con un calcio di punizione di Corneli che piega le mani a Rossi. Lardini ha ancora occasioni per chiudere i conti ma dopo il time out al 16’ Trozzi, dopo una doppia conclusione riapre i giochi (3-2) e dopo una traversa di Carnevali, il portiere Capogrosso deve allungarsi per respingere un pericoloso diagonale di Coppari. L’Ariston ci prova ma in contropiede si scopre sempre di più e Lardini va a nozze con i veloci attaccanti che si ritrova e Carnevali segna il 4-2. Negli ultimi minuti l’Ariston Thermo Lab Gas manda in porta Minnetti ed accorcia le distanze con Coppari che trasforma un calcio di rigore per l’atterramento di Trozzi, ma poi ci pensa Falasconi a chiudere i conti depositando a porta vuota e Carnevali a fissare il punteggio finale con un bellissimo tacco al volo su lancio di Vitali.

Ora per Lardini la finale contro la Paima, (venerdì 17 alle 21.30 al Cespo) formazione che appena qualche giorno fa aveva “eliminato” i detentori del titolo che però al completo sono da considerare i favoriti per la conquista della seconda Gold Cup Aziendale consecutiva.

 

 

Le Foto


 

Gli Highlights


 

Marco Ghergo

www.sportware.org

Tags