LA STORICA FORMAZIONE BISSA IL SUCCESSO CONTRO IL VT OSIMO

Santa Maria Nuova, 19 maggio 2011: “…EH GIA’ IO SONO ANCORA QUA..” apostrofando una recente canzone del Vasco nazionale, si può riassumere l’ennesima impresa dei ragazzi della Vallesina.
Di fronte un’altra “storica” e multi titolata della serie A la Vt Osimo del mitico Mister Canullo. Ognuno con il suo cammino , ognuno con la sua speranza …ognuno con la propria scaramanzia (Curzi e soci si presentano indossando la divisa “brasiliana “di una finale non finita benissimo). Formazioni preparatissime quindi, che si conoscono bene ma che entrambe difettano di qualche presenza più o meno importante. La VT già dai primi minuti lascia intendere la sua tattica, giocatori dietro la linea del pallone per colpire in contropiede. Aggressiva e dal giro palla veloce la squadra di Jesi. Al 2’ i giallo blu vanno in goal con un redivivo Polita servito dalla sinistra da Brutti. Sostanzialmente il primo quarto scorre cosi quasi tutto lasciato all’iniziativa dei campioni uscenti e con gli osimani a faticare per trovare l’uno due.
Filannino si fa male ed è costretto ad abbandonare, per la Vallesina è una brutta tegola. Cresce l’iniziativa dei bianco neri che nei minuti finali del primo tempo meriterebbero il pareggio (miracoloso il doppio intervento di Giacche’su Regis e Ravaglioli). Nella ripresa Canullo distende i suoi, forzando lateralmente con Barnabeo e Angeletti, e la trama del gioco sembrerebbe riprendere da dove lasciato. Passano 6 minuti e da una punizione, Brutti raddoppia per i suoi. Il modulo operaio (2-2) applicato dalla Vallesina si infrange per iniziativa di Censori al 18’, la partita si riapre, ma è una sensazione che dura un paio di minuti. Brutti (uno dei migliori dei suoi) infatti indovina l’angolino da poco fuori area e porta a tre le realizzazioni per la sua squadra. La VT cerca di affrettare i tempi e ci crede ancora aumentando il pressing e cercando conclusioni centrali. Al 20’ Regis dalla distanza in mezzo a “mille” gambe va in goal, si va sul 2 a 3.
Al 23’ nell’ennesimo cambio di fronte Barnabeo s’invola sulla sinistra affiancato da Polita che cerca di opporsi , il numero 16 bianconero diagonalmente cerca e trova “l’imbarazzo” di Giacche’che non gestisce un pallone apparentemente facile. E’ il pareggio! Le squadre stremate vanno ai supplementari, dove non avviene nulla di entusiasmante. Si cerca di controllare il gioco aspettando situazioni da sfruttare, magari da palla ferma. Ancora in parità si va ai calci di rigore. Giacchè ne para due e Mengoni subentrato a Carbonari uno… la Vallesina si aggiudica la coppa!
Complimenti a tutti per lo spettacolo offerto e per la sportività dimostrata! Una curiosità…i pronostici elaborati dal nostro sito dal prossimo anno li affideremo consensualmente alla mamma di Curzi, più affidabili e di sicuro più simpatici. A lei chiederemo chi vincerà la Gold…scaramanzie a parte! Eh eh eh

 

La Vallesina festeggia


Roberto Marabini
www.sportware.org

Tags