Prova superba del Sette Team che batte un Napoli con poche idee

Roma, 17 maggio 2012: U.S. Boreale – La terza ed ultima gara della serata è quella tra Napoli e Shakthar Donetsk.La squadra partenopea è al comando del proprio girone con quattro vittorie su quattro partite disputate ( mancano all´appello i minuti del recupero della gara con il Barca). Le statistiche dicono che la formazione azzurra ha una media di 5 gol fatti a partita, grazie anche al bomber Aquino. Lo Shakthar ha vinto invece una sola partita su cinque e tenta l´impresa contro la capolista. Il pronostico è nettamente a sfavore infatti il segno due vale 5.56, ma nel calcio tutto è possibile. La partita inizia subito con ritmi altissimi; entrambe le squadre sono concentrate con la voglia di far bene. Il primo brivido è per la formazione azzurra: al 4´ il portierone Gabriele salva il risultato su una conclusione ravvicinata dello Shakthar. La partita si gioca soprattutto a centrocampo e gli spazi sono molto stretti. Al 13esimo arriva il primo lampo del bomber Aquino: tiro di contro balzo con la palla che si stampa sul palo. Lo Shakthar però prende coraggio e al 19esimo passa in vantaggio: passaggio filtrante in area e Ferrante in area mette dentro il gol che vale lo 0-1. il Napoli ha poche idee e si affida al suo attaccante che ci prova con tiri da fuori, ma sembra che la palla non voglia proprio entrare. Termina così la prima frazione di gioco, il Napoli accusa qualche assenza a metà campo e lo Shakthar ci crede. La ripresa inizia subito con una doccia fredda per il Napoli. Al primo minuto arriva il secondo gol dello Shakthar con un bel tiro a giro che si insacca sul secondo palo. Il Napoli è in balia dell´aggressività degli avversari e al 5´ subisce addirittura il terzo gol: contropiede velocissimo finalizzato da Battaglia che mette all´angolo basso. 0-3 Shakthar! Al 9´ Aquino si inventa una giocata spettacolare e colpisce la traversa con il portiere fuori dai pali. è una serata storta per gli azzurri e soprattutto per il loro bomber che ci prova ancora, ma Marconi si fa trovare sempre attento. La partita si chiude con lo Shakthar che sfiora per due volte il poker prima con Ferrante e poi con Battaglia. Partita perfetta quella disputata dallo Shakthar; la squadra è rimasta concentrata per tutta la partita concedendo molto poco agli avversari. ll Napoli ha avuto poche idee e si è affidato soltanto alle giocate di Aquino che non hanno trovato fortuna. Complimenti allo Shakthar!

Tags