CON ESPERIENZA E TANTA FORTUNA BATTE LA SUPERFAVORITA CAMPING REGINA 

Marcelli, 22 maggio 2012: Si si…dirò ai dirigenti Sportware che l’elaboratore di pronostico non calcola il fattore “tecnica di fondo” cosi lo chiamava il mio vecchio Mister quando la fortuna sfacciatamente invertiva dei risultati tra squadre con un gap non minimale. Attenzione non che la Publi or non abbia meritato eh! La squadra di “nonno” Magnaterra ha pazientato e si è spaccata in mille per contrastare in fase difensiva la squadra più “brasileira” della coppa e del campionato. Tra pali traverse e mezzi miracoli di “Ighita” Montemari doveva finire con una mezza goleada a favore dei ragazzi del camping…ma il “pallo’ è bello per questo no?” Comunque gli avvisi erano palesemente nell’aria, e non solo,Magnaterra al 12’ raccoglie dopo la sponda di un compagno ha il tempo per piazzare un gran bel tiro
. E mentre la Regina fa provviste di legna (secondo palo di Breccia) Catena raddoppia sfruttando un’indecisione di Antognini. Pierini (uno dei migliori dei suoi) di prepotenza qualche minuto più tardi accorcia dalla sinistra. Il pareggio di Ramadori da una splendida azione corale di contropiede
sembrerebbe dare un senso alle miriadi di occasioni avute dai giallo blu. Nel secondo tempo la Publi or si richiude bellamente in difesa e nulla puo’ sulla stoccata sottorete di Breccia. In vantaggio per poco più di un minuto la Regina viene riagguanta ancora da “nonno “Magnaterra ( classe 1961). Ramadori al 13’ devia nella propria porta un tiro cross di Catena e gli “Attaccalite Boys” devono ancora una volta rincorrere. Pierini al 18’ s’inventa pivot e dona uno splendido pallone recuperato a bomber Breccia che non sbaglia. (4-4) Cavallo pazzo Ramadori adrenaliticamente ancora in corsa, in scivolata non fa uscire una palla laterale regalando un’assist smarcante per l’accorrente Magnaterra (che si è lanciato su tutti gli spazi!) che ringrazia siglando la sua tripletta personale. Diminuiscono i minuti, aumenta il nervosismo. A tre minuti dalla fine Catena (vero e proprio trascinatore) in mezzo all’area avversaria trova un rimpallo favorevole e va in goal. Una rete che fredda definitivamente le speranze dei porto recanatesi. Con il portiere volante mister Pirri tenta l’impossibile subendo da li a poco un altro goal che solo la sportività di Pierini riconosce tale (palla che sbatte da palo a palo oltrepassando di un nulla la linea) Orlandoni da fuori quindi per il 7-4 conclusivo. La Regina è fuori dai giochi gli rimane (si fa per dire) la Gold Cup in cui è campione in carica. La Publi or c5 è micidiale con le grandi, ormai non si può più nascondere. Percentualmente parlando una finale è sempre data al 50% che dir si voglia e calcolatore elettronico (m’briago) permettendo! Sarà una finale di coppa lega tutta fidardese quindi uno spasso per le emozioni e uno spasso per gli intenditori. Un plauso a tutti i “coppettari” che anche nelle fasi finali hanno dato dimostrazione di sportività e correttezza aiutando il non facile lavoro dei direttori di gara. Ci si vede il 29 maggio al Cespo allora…

 

Intervista con Paolo Pierini (Camping Regina)

Intervista con Roberto Magnaterra (Publi Or)

Roberto Marabini
www.sportware.org

Tags