DOMINA NEL PRIMO TEMPO, LA PAIMA NON MOLLA MA DEVE CAPITOLARE 7-5

Ancona, 19 Luglio 2017: Dopo un anno di stop, ritorna la Gold Cup Aziendale che si gioca interamente nel centro sportivo Schiavoni di Ancona.

La prima semifinale si gioca tra Paima e Lardini, due squadre che si sono già affrontate due giorni prima nel terzo turno del girone, con la squadra di Filottrano che si è imposta con un pirotecnico 11-10.

Lardini passa subito in vantaggio con Falasconi che dalla sinistra serve a centro area Corneli che non ha problemi a battere il portiere Marabini. La Paima risponde subito con bomber Ciavattini che dalla sinistra batte il portiere Binci (1-1). I filottranesi ritornano avanti con Corneli che viene atterrato (forse) in area, l’arbitro Massaccesi decreta il rigore che lo stesso Corneli trasforma. Ciavattini però segna ancora il pareggio immediato, grazie ad un lancio lungo di Baldoni che gli permette di scavalcare di testa un Binci rimasto nella terra di nessuno (2-2). La partita è molto bella, veloce, con entrambe le squadre molto tecniche che si destreggiano alla grande anche in spazi ridotti. Con il passare dei minuti però Lardini prende sempre più possesso del match e Marabini deve salvare più volte la propria porta, e quando non ci arriva lui è Baldoni a salvare sulla linea una conclusione di Foresi. Al 18’ Lardini ritorna avanti in contropiede con Foresi che non ha difficoltà a trasformare “l’assistenza” di Carnevali (3-2). Lardini continua a premere e la Paima non riesce ad essere pericolosa ma “tiene” a fine primo tempo con lo svantaggio minimo.

Nella ripresa al 6’ arriva la tripletta di Corneli con un destro da fuori che porta Lardini su un meritato doppio vantaggio. La Paima si scuote e Ciavattini la riporta sotto con un gol di rapina, ma al 10’ Carnevali segna il 5-3 con una stupenda semi rovesciata. La Paima non si arrende e Pericolo ruba una palla e scaglia un sinistro all’incrocio per il 4-5. Lardini trova più spazi e Carnevali segna il 6-4 con un diagonale di sinistro e poco dopo i filottranesi chiudono i conti i contropiede con Giulioni che segna il 7-4 finalizzando ancora un assist di Carnevali. L’ultimo ad arrendersi è Ciavattini che segna il 7-5 finale per il poker personale che può valergli il titolo di capocannoniere del torneo. Ma c’è una finale ancora da disputare, lunedì 24 luglio tra Lardini ed Imesa.

 

Le Foto

Powered by flickr embed.

 

Gli Highlights


 

Intervista a Carlo Maria Corneli (Lardini)


 

Marco Ghergo

www.sportware.org

Tags